KAYAK IN LEGNO di Antonio Finizola

testo

Vista la precedente esperienza di autocostruzione con la canoa canadese “Blue Moon” citata su questo sito, mi sono cimentato, questa volta, con la costruzione di un kayak.

L’idea è partita un paio di anni fa quando, durante un’escursione sul lago, con la canoa canadese, conobbi Valter, un appassionato di kayak che mi ha coinvolto ad interessarmi a questo tipo di imbarcazione più veloce e leggera. Dopo numerose uscite e prove con uno dei suoi kayak decisi di provare a costruirne uno in legno.

Iniziai cercando su internet un pò di esempi di  autocostruttori e, visitando il sito di “Guillemot Kayaks”, trovai un modello che andava bene per il già collaudato sistema a  “scafo cucito” che poi modificai in ibrido, cioè metà a pannelli di compensato marino da 4 mm. e metà a listelli di samba da 5 mm. (sarebbe stato meglio di cedro). Per il progetto mi arrangiai trasformando in scala 1:1 quel poco di disegni che sono riuscito a trovare sul sito. Il risultato è un kayak da mare della lunghezza di mt 4,90 e una larghezza di 56 cm, dalla linea filante, tinto con impregnante Douglas e rifinito con vernice poliuretanica bi-componente lucida.

Per il nome mii è sembrato appropriato ”Ottobre Rosso” (non so perché… suonava bene).

Ecco le immagini delle varie tappe della lavorazione:

Disegno e taglio dei pannelli:

2

5

Assemblaggio e cuciture:

6

9

11

12 comincia a prendere forma!

Resinatura del fondo per renderlo più resistente:

16

Montaggio di paratie e strutture di sostegno per applicare i listelli:

17

18

Realizzazione dell’appoggiapiedi:

22

Montaggio dei listelli:

25

27

Tinteggiatura in douglas:

28

Costruzione del pozzetto:

36 

38

 Coperchio del gavone:   

 40

 41

44

Il solito marchio di fabbrica personale:

 46

Decorazione con decoupage della rosa dei venti:

49

Elastico portaoggetti:

52

Costruzione del seggiolino in legno di okoumè da 25 mm di spessore:

 54

56

Realizzazione maniglie sia a prua che a poppa:

57

58

Costruzione pagaia groenlandese in pino con punte rinforzate in vetroresina:

63

RISULTATO FINALE:

66

67

Carrellino facilmente accessibile nel gavone:

68

69

Maggio 2016: PRONTI PER IL VARO!

7172

Bagnato con birra insieme a mio figlio Marco “l’aiutante”.

74

75

E’ molto filante e stabile, mantiene bene la direzione.

Sistemazione nel garage insieme alla già citata canoa canadese “Blue Moon”:

77

 P.S.: è stato più difficile inserire il testo (non sono molto tecnologico).

Ciao a tutti!